Image
Top
Navigation
  • Visual Artist

    visita interiora terrae rectificando invenies occultum lumen

  • Eduardo Herrera

Il cammino dell’attesa La scultura di Eduardo Herrera radica intorno ad un antico simbolo, un trono, ovvero “ciò che sostiene” dal termine greco thrònos, e quindi un seggio, una sedia, un luogo originario dove sostare, fermarsi e attendere. Alla mente appaiono uomini saggi da Salomone a Buddha, personalità paradigmatiche che riflettono sulla vita, sulle pulsioni, sui desideri e che allo stesso tempo sanno dubitare, amare e scegliere pur consapevoli che l’incompiutezza è intrinseca all’agire umano. Le combinazioni di stili, materia, impurità, simmetrie e asimmetrie, colore e luce che Eduardo modella con intesità e infinite variazioni, danno forma a sculture uniche, con distinti caratteri, vuote e presenti che invitano a stare e a ritrovarsi. Le “sedie” abitano lo spazio solitarie o in moltitudini come guerrieri che si spalleggiano, si sostengono perché il viaggio verso la meta è lungo e ignoto. Il cammino dell’attesa rappresenta, come tutta l’opera di Herrera, il tempo della ricerca. La compenetrazione di più linguaggi – scultura, video, scrittura – costituisce il tentativo di amplificare la percezione, l’artista si misura con la sete costante di esplorare gli strati più profondi della propria interiorità Maria Rapagnetta